ANTIRICICLAGGIO: che cos’è e come funziona

  • By:avv.lorenzo-munari

Definizione

Per definire l’antiriciclaggio dobbiamo partire dalla definizione di “riciclaggio”.

Riciclare denaro, beni ed altre utilità vuol dire investire capitali illecitamente ottenuti in attività lecite: in tal modo i beni che sono frutto di reato (sequestri, traffico di stupefacenti, rapine, evasione fiscale e qualsiasi altro reato non colposo) sono “ripuliti” e reimmessi nei circuiti economici e finanziari legali.

Nell’ordinamento italiano il riciclaggio è un reato previsto dall’articolo 648 bis del Codice Penale; compie tale reato sia “chi sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo” sia chi ostacola l’identificazione della loro provenienza delittuosa.

L’ antiriciclaggio

Con antiriciclaggio si intende l’azione di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro, beni o altre utilità.

In Italia la normativa antiriciclaggio si basa principalmente sul decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 che recepisce a sua volta la direttiva europea 2005/60/CE.

Il decreto ha introdotto nell’ordinamento nazionale una serie di adempimenti antiriciclaggio allo scopo di proteggere la stabilità e l’integrità del sistema economico e finanziario.

Gli adempimenti

Il decreto legislativo 231/07 impone obblighi di collaborazione per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio; la collaborazione può essere di 2 tipi:

  1. collaborazione passiva finalizzata a garantire la conoscenza approfondita della clientela e a prescrivere la conservazione dei documenti relativi alle transazioni effettuate;
  2. collaborazione attiva volta all’individuazione e segnalazione delle operazioni sospette di riciclaggio.

L’adeguata verifica della clientela è l’aspetto più importante per l’azione preventiva di contrasto al riciclaggio; essa consiste nell’identificazione del cliente e nella verifica dei dati acquisiti; l’identificazione e la verifica sono previste anche nei confronti del beneficiario sostanziale – il cosiddetto titolare effettivo – quando il cliente è una persona giuridica o effettua un’operazione per conto di altri soggetti.

Altri adempimenti riguardano la raccolta delle informazioni sullo scopo e la natura del rapporto posto in essere dal cliente e il controllo continuo nel corso del rapporto stesso.

Un terzo fondamentale adempimento riguarda la segnalazione, all’UIF, delle operazioni sospette di riciclaggio.

L’operazione sospetta è un’operazione che per caratteristiche, entità, natura o per qualsivoglia altra circostanza induce l’operatore in banca a “sapere, sospettare o ad avere motivo ragionevole per sospettare” che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo; in tal caso si deve inviare senza ritardo alla UIF una segnalazione.

Disposizioni attuative di Banca d’Italia in materia di antiriciclaggio

Il sistema si incardina su tre istituti fondamentali:

  1. adeguata verifica della clientela (secondo l’approccio basato sul rischio);
  2. registrazione, archiviazione, conservazione dei rapporti e delle operazioni;
  3. valutazione e segnalazione delle operazioni sospette.

Il criterio adottato è quello della “proporzionalità” degli assetti organizzativi rispetto alle dimensioni del soggetto destinatario delle disposizioni, intendendo con ciò assicurare la presenza di presidi idonei al raggiungimento del fine di prevenzione e tutela del sistema.
Sono, tuttavia, individuati dei requisiti minimali comunque da adottare:

  1. istituzione della funzione Antiriciclaggio;
  2. presenza della funzione di Revisione Interna (o alternativamente dell’unità di Revisione Interna);
  3. assegnazione della responsabilità per la segnalazione delle operazioni sospette.

Formazione e informazione

Un’efficace applicazione della normativa antiriciclaggio presuppone la piena consapevolezza delle finalità e dei principi che ne sorreggono l’impianto.

Tutto il personale deve essere portato a conoscenza degli obblighi e delle responsabilità aziendali che possono derivare dal mancato adempimento dei medesimi.

Il d. lgs. 231/07 impone l’obbligo in particolare per le aziende ed i professionisti di predisporre programmi di formazione.

A tal proposito Banca d’Italia richiede che sia riservata particolare cura allo sviluppo di una specifica preparazione sull’antiriciclaggio dei dipendenti e dei collaboratori che sono a più diretto contatto con la clientela.

Inoltre specifici programmi di formazione appaiono opportuni per il personale appartenente alla funzione antiriciclaggio.

A tali dipendenti si richiede inoltre un continuo aggiornamento in merito all’evoluzione dei rischi di riciclaggio e agli schemi tipici delle operazioni finanziarie criminali.

Unità di Informazione Finanziaria (UIF)

La UIF è la struttura nazionale incaricata di prevenire il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo.

La struttura esercita le proprie funzioni in autonomia e indipendenza, avvalendosi di risorse umane e di mezzi finanziari della Banca d’Italia.

Il d.lgs. 231/2007 assegna all’UIF il compito di:

  • elaborare indicatori di anomalia, volti ad agevolare l’individuazione delle operazioni sospette;
  • predisporre schemi e modelli di comportamenti anomali;
  • definire, con apposite istruzioni, il contenuto delle segnalazioni di operazioni sospette.

 

Posted in: antiriciclaggio adempimenti, normativa antiriciclaggio